Ultima modifica: 9 Gennaio 2023

Iscrizione alla Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado perl’anno scolastico 2023/2024 – dal 9 gennaio 2023 al 30 gennaio 2023

Al Comune di Sarno
All’Uff. Pubblica Istruzione Comune diSarno
Alla cittadinanza tutta
Ai Genitori
Ai Docenti e personale ATA
Al D.S.G.A.
All’Albo e al Sito Web

 

OGGETTO: Iscrizione alla Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado per
l’anno scolastico 2023/2024 – dal 9 gennaio 2023 al 30 gennaio 2023
PREMESSA
La presente circolare disciplina per l’anno scolastico 2022/2023 le iscrizioni alle sezioni delle
scuole dell’infanzia ed alle prime classi della scuola primaria e secondaria di primo grado.
Le domande di iscrizione, per quanto riguarda la scuola primaria e secondaria dovranno
essere compilate o in modalità “on line” con registrazione a partire dalle ore 8 :00 del 9
gennaio 2023 sul sistema “Iscrizioni on line”, disponibile sul portale del Ministero dell’Istruzione,
o in modalità cartacea compilando la relativa modulistica presso gli Uffici di Segreteria – Via
Roma – Sarno. E’ possibile effettuare l’ iscrizione alla Scuola dell’infanzia, primaria e
secondaria di primo grado per l’anno scolastico 2023/2024 dalle ore 8:00 del 9 gennaio 2023
alle ore 20:00 del 30 gennaio 2023.
ISCRIZIONI ON LINE
Ai sensi della legge 7 agosto 2012, n.135, recante “Disposizioni urgenti per la
razionalizzazione della spesa pubblica”, le iscrizioni sono effettuate esclusivamente on line per
tutte le classi iniziali della scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo
grado statali. I genitori/esercenti la responsabilità genitoriale/affidatari/tutori (di seguito, per
brevità, genitori) accedono al servizio “Iscrizioni on line”, disponibile sul portale del MIUR
www.istruzione.it, utilizzando le credenziali fornite tramite la registrazione.
Coloro che sono già in possesso di un’identità digitale (SPID), possono accedere al servizio
utilizzando le credenziali del proprio gestore. All’atto dell’iscrizione, i genitori rendono le
informazioni essenziali relative all’alunno (codice fiscale, nome e cognome, data di nascita,
residenza, etc.) ed esprimono le loro preferenze in merito all’offerta formativa proposta dalla
scuola.
Le istituzioni scolastiche destinatarie delle domande offrono un servizio di supporto alle
famiglie prive di strumentazione informatica. In subordine, qualora necessario, anche le scuole di
provenienza offrono il medesimo servizio di supporto. Si ricorda che il servizio di iscrizioni on line
permette di presentare una sola domanda di iscrizione per ciascun alunno consentendo, però, ai
genitori di indicare anche una seconda o terza scuola/Centro di formazione professionale cui
indirizzare la domanda nel caso in cui l’istituzione di prima scelta non avesse disponibilità di posti
per l’anno scolastico 2023/2024.
ESCLUSIONI DAL SISTEMA “ISCRIZIONI ON LINE”
Sono escluse dalla modalità telematica le iscrizioni relative:
1. alle scuole dell’infanzia;
2. agli alunni in fase di pre-adozione.
Al fine di garantire adeguata protezione e riservatezza ai minori, l’iscrizione viene effettuata
dalla famiglia affidataria direttamente presso l’istituzione scolastica prescelta.
Le domande di iscrizione sono accolte entro il limite massimo dei posti complessivamente
disponibili nella singola istituzione scolastica, definito sulla base delle risorse di organico e dei
piani di utilizzo degli edifici scolastici predisposti dagli Enti locali competenti.
L’Amministrazione scolastica garantisce in ogni caso, soprattutto agli alunni soggetti
all’obbligo di istruzione, la fruizione del diritto allo studio attraverso ogni utile forma di
razionalizzazione e di indirizzo a livello territoriale.
ADEMPIMENTI DEI GENITORI
I genitori, per effettuare l’iscrizione on line:
-individuano la scuola d’interesse, anche attraverso “Scuola in Chiaro”;
-si registrano sul sito www.istruzione.it/iscrizionionline, inserendo i propri dati, seguendo le
indicazioni presenti, oppure utilizzando le credenziali relative all’identità digitale (SPID). La
funzione di registrazione è già attiva dalle ore 8:00 del 9 gennaio 2023;
-compilano la domanda in tutte le sue parti, mediante il modulo on line, a partire dalle ore
8:00 del 9 gennaio 2023;
-inviano la domanda d’iscrizione alla scuola di destinazione entro le ore 20:00 del 3 0
gennaio 2023.
Il sistema “Iscrizioni on line” avvisa in tempo reale, a mezzo posta elettronica, dell’avvenuta
registrazione o delle variazioni di stato della domanda. I genitori possono comunque seguire l’iter
della domanda inoltrata attraverso una funzione web.
Il modulo di domanda on line recepisce le disposizioni di cui agli articoli 316, 337 ter e 337
quater del codice civile, così come modificate dal decreto legislativo 28 dicembre 2013, n. 154.
Alla luce delle disposizioni ivi richiamate, la domanda di iscrizione, rientrando nella
responsabilità genitoriale, deve essere sempre condivisa dai genitori.
A tal fine, il genitore che compila il modulo di domanda dichiara di avere effettuato la scelta
in osservanza delle suddette disposizioni del codice civile, che richiedono il consenso di entrambi i
genitori.
Si ricorda che la compilazione del modulo di domanda d’iscrizione avviene ai sensi delle
disposizioni di cui al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, recante “Testo unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”. Pertanto, i dati riportati
nel modulo d’iscrizione assumono il valore di dichiarazioni sostitutive di certificazione, rese ai sensi
dell’articolo 46 del citato D.P.R.
Si rammentano infine le disposizioni di cui agli articoli 75 e 76 del citato D.P.R. che, oltre a
comportare la decadenza dai benefici, prevedono conseguenze di carattere amministrativo e penale
per chi rilasci dichiarazioni non corrispondenti a verità.
ISCRIZIONI MODALITA’ CARTACEA
Le iscrizioni possono essere eseguite anche in modalità cartacea compilando la relativa modulistica
presso gli Uffici di Segreteria in Via Roma-Sarno, nei seguenti giorni ed orari:
Lunedi – dalle ore 8:15 alle ore 13.00
Martedì – dalle ore 8.30 alle ore 17.00
Mercoledì -dalle ore 8.15 alle ore 13.00
Giovedì – dalle ore 8.30 alle ore 17.00
Venerdì – dalle ore 8.15 alle ore 13.00
Sabato – dalle ore 8.30 alle ore 12.30
OBBLIGO DI ISTRUZIONE MODALITÀ DI ASSOLVIMENTO
L’obbligo di istruzione si assolve, dopo l’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di
istruzione, attraverso una delle seguenti modalità:
– frequenza del primo biennio di uno dei percorsi di istruzione secondaria di secondo
grado nelle scuole statali e paritarie, compresi i percorsi di istruzione e formazione
professionale erogati dai Centri di formazione professionale accreditati dalle Regioni e
dagli istituti professionali in regime di sussidiarietà integrativa e complementare;
– stipula, a partire dal quindicesimo anno di età, di un contratto di apprendistato, ai sensi
dell’art 43 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81;
– istruzione parentale. In questo caso, a garanzia dell’assolvimento dell’obbligo di
istruzione, il minore è tenuto a sostenere l’esame di idoneità alla classe terza dell’indirizzo
di studi prescelto.
RESPONSABILITÀ CONDIVISA
L’obbligo di istruzione mira a garantire a tutti l’acquisizione delle competenze di base,
necessarie per l’esercizio dei diritti di cittadinanza e coinvolge, pertanto, la responsabilità
dei seguenti soggetti:
• i genitori, coloro che esercitano la responsabilità genitoriale, il tutore o l’affidatario,
cui competono le scelte tra i diversi percorsi formativi e le opzioni del tempo scuola;
• le istituzioni scolastiche, dalle quali dipende l’adozione delle strategie più efficaci e
coerenti, atte a garantire elevati livelli di apprendimento e di formazione. In proposito,
assumono particolare rilievo le metodologie didattiche finalizzate all’orientamento della
scelta dei percorsi di studio e di lavoro;
• l’Amministrazione scolastica, cui è affidato il compito di definire i criteri, gli indirizzi e
i presupposti per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione;
• le Regioni e gli Enti locali, cui spetta assicurare le condizioni più idonee per la piena
fruizione del diritto allo studio da parte di ciascun alunno e di garantire le dotazioni e i
supporti strutturali e necessari allo svolgimento dell’attività didattica.
ACCOGLIENZA E INCLUSIONE ALUNNI CON DISABILITÀ
Le iscrizioni degli alunni con disabilità effettuate nella modalità on line sono
perfezionate con la presentazione alla scuola prescelta della certificazione rilasciata dalla
A.S.L. di competenza, comprensiva della diagnosi funzionale, predisposta a seguito degli
accertamenti collegiali previsti dal D.P.C.M. 23 febbraio 2006, n. 185.
Il profilo di funzionamento, di cui all’articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 13
aprile 2017, n. 66 come modificato dal decreto legislativo 7 agosto 2019, n. 96, sarà
trasmesso alla scuola dalla famiglia subito dopo la sua predisposizione.
Sulla base di tale certificazione e della diagnosi funzionale, la scuola procede alla
richiesta di personale docente di sostegno e di eventuali assistenti educativi a carico
dell’Ente locale, nonché alla successiva stesura del piano educativo individualizzato, in
stretta relazione con la famiglia e gli specialisti dell’A.S.L.
L’alunno/studente con disabilità che consegua il diploma conclusivo del primo
ciclo di istruzione ha titolo, ai sensi dell’art. 2 del d.lgs. 62 del 2017, qualora non abbia
compiuto il diciottesimo anno di età prima dell’inizio dell’anno scolastico 2022/2023, alla
iscrizione alla scuola secondaria di secondo grado o ai percorsi di istruzione e
formazione professionale, con le misure di integrazione previste dalla legge n. 104 del
1992.
Solo per gli alunni che non si presentano agli esami è previsto il rilascio di un attestato
di credito formativo che è titolo per l’iscrizione e la frequenza della scuola secondaria di
secondo grado o dei corsi di istruzione e formazione professionale regionale, ai soli fini
dell’acquisizione di ulteriori crediti formativi, da far valere anche per percorsi integrati di
istruzione e formazione.
Pertanto, tali alunni non possono essere iscritti, nell’anno scolastico 2022/2023, alla terza
classe di scuola secondaria di primo grado ma potranno assolvere l’obbligo di
istruzione nella scuola secondaria di secondo grado o nei percorsi di istruzione e
formazione professionale regionale.
Gli alunni con disabilità ultradiciottenni, non in possesso del diploma conclusivo del
primo ciclo ovvero in possesso del suddetto diploma ma non frequentanti l’istruzione
secondaria di secondo grado, hanno diritto a frequentare i percorsi di istruzione per
gli adulti con i diritti previsti dalla legge n.104/1992 e successive modificazioni (cfr.
sentenza della Corte Costituzionale n. 226/2001).
ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)
Le iscrizioni di alunni con diagnosi di disturbo specifico di apprendimento (DSA),
effettuate nella modalità on line, sono perfezionate con la presentazione alla scuola
prescelta della relativa diagnosi, rilasciata ai sensi della legge n. 170/2010 e secondo quanto
previsto dall’Accordo Stato Regioni del 25 luglio 2012 sul rilascio delle certificazioni.
Le istituzioni scolastiche assicurano le idonee misure compensative e dispensative di cui
al d.m.12 luglio 2011, n. 5669, e delle allegate linee guida; in particolare, provvedono ad
attuare i necessari interventi pedagogico-didattici per il successo formativo degli studenti
con DSA, attivando percorsi di didattica individualizzata e personalizzata.
L’alunno con diagnosi di DSA, dispensato dalle prove scritte di lingua straniera in base a
quanto previsto dall’articolo 6 del d. m. 5669/2011, che supera l’esame di Stato conclusivo
del primo ciclo, consegue titolo valido per l’iscrizione alla scuola secondaria di secondo
grado.
L’alunno con diagnosi di DSA esonerato dall’insegnamento delle lingue straniere, che
consegua, in sede di esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, l’attestato di
credito formativo, comprovante i crediti formativi maturati, ha titolo a proseguire il
percorso di istruzione nella scuola secondaria di secondo grado o nei percorsi di istruzione
e formazione professionale al solo fine di conseguire altro attestato comprovante i
successivi crediti formativi maturati.
ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA
Agli alunni con cittadinanza non italiana si applicano le medesime procedure di
iscrizione previste per gli alunni con cittadinanza italiana, ai sensi dell’articolo 45 del
D.P.R. 394/1999.
Al riguardo, si fa integralmente rinvio alla c. m. 8 gennaio 2010, n. 2, recante
“Indicazioni e raccomandazioni per l’integrazione di alunni con cittadinanza non
italiana”, e in particolare, al punto 3 “Distribuzione degli alunni con cittadinanza non
italiana tra le scuole e formazione delle classi”, in cui si precisa che a tale fine è
necessario programmare il flusso delle iscrizioni con azioni concertate e attivate
territorialmente con l’Ente locale e la Prefettura e gestite in modo strategico dagli Uffici
scolastici regionali, fissando – di norma – dei limiti massimi di presenza nelle singole classi
di studenti con cittadinanza non italiana con ridotta conoscenza della lingua italiana.
Ai sensi dell’art. 26 del decreto legislativo 19 gennaio 2007, n. 251, i minori titolari dello
status di rifugiato o dello status di protezione sussidiaria hanno accesso – come peraltro i
minori stranieri non accompagnati – agli studi di ogni ordine e grado secondo le modalità
previste per i cittadini italiani.
Si rammenta che anche per gli alunni con cittadinanza non italiana sprovvisti di codice
fiscale è consentito effettuare la domanda di iscrizione on line. Una funzione di sistema,
infatti, consente la creazione di un cosiddetto “codice provvisorio” che, appena possibile,
l’istituzione scolastica sostituisce sul portale SIDI con il codice fiscale definitivo.
Per una esaustiva ricognizione della materia si rinvia alle Linee guida emanate dal
MIUR- Direzione generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la
comunicazione il 4 agosto 2009. Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la
valutazione del sistema nazionale di istruzione 14/15.
Si richiama, infine, la nota della Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e
l’autonomia scolastica del 20 aprile 2011, n. 2787, in ordine alle modalità di applicazione
delle norme relative al riconoscimento di titoli di studio e certificazioni straniere. Per una
esaustiva ricognizione della materia si rinvia alle “Linee guida per l’accoglienza e
l’integrazione degli alunni stranieri” trasmesse dal MIUR con nota n. 4233 del 19 febbraio
2014.
INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA E ATTIVITÀ
ALTERNATIVE
La facoltà di avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica è
esercitata dagli interessati al momento dell’iscrizione, mediante la compilazione
dell’apposita sezione on line ovvero, per le iscrizioni che non siano presentate on line, del
modello nazionale di cui alla scheda B.
La scelta ha valore per l’intero corso di studi e in tutti i casi in cui sia prevista
l’iscrizione d’ufficio, fatto salvo il diritto di modificare tale scelta per l’anno
successivo entro il termine delle iscrizioni, esclusivamente su iniziativa degli
interessati.
La scelta di attività alternative è operata, all’interno di ciascuna scuola, attraverso il
modello nazionale di cui alla scheda C.
Si ricorda che tale allegato deve essere compilato, da parte degli interessati, all’avvio
dell’anno scolastico, in attuazione della programmazione di inizio d’anno da parte degli
organi collegiali, e trova concreta attuazione nelle seguenti opzioni:
• attività didattiche e formative;
• attività di studio e/o di ricerca individuale con assistenza di personale docente;
• libera attività di studio e/o di ricerca individuale senza assistenza di personale docente
(per studenti delle istituzioni scolastiche di istruzione secondaria di secondo grado);
• non frequenza della scuola nelle ore di insegnamento della religione cattolica.
Per tutto quanto non espresso nella presente circolare si rimanda alla Circolare
Ministeriale n.10 del 15/11/2016.
INFORMATIVA SUL TRATTAMENTODEI DATI PERSONALI (art. 13 del Reg.
UE 679/16)
Ai sensi dell’art. 13 del Reg. UE 679/16 si informa che il trattamento dei dati personali
da parte della Scuola è finalizzato agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti, da
normative comunitarie, da disposizioni impartite da autorità e da organi di vigilanza, di
ispezione e di controllo (es. ASL, CSA etc.), per finalità funzionali all’attività della Scuola,
con l’utilizzo di procedure sia cartacee sia automatizzate (informatiche e telematiche) atti a
memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.
Il trattamento dei dati sarà improntato al principio di correttezza, liceità, trasparenza,
adeguatezza, pertinenza e limitatezza rispetto alle finalità per cui sono trattati e di tutela
della riservatezza e dei diritti, che i genitori/tutori/esercenti la patria potestà sono tenuti a
leggere attentamente ai fini del rilascio di eventuali dichiarazioni di
consenso/autorizzazione, da rendere all’interno del modulo di iscrizione.
I dati riferibili agli INTERESSATI potranno essere comunicati a soggetti che svolgono
funzioni connesse all’attività della Scuola, a responsabili ed incaricati dì soggetti pubblici o
privati coinvolti a vario titolo con l’attività della Scuola nonché per obblighi previsti da
leggi, regolamenti e normative.
Potranno anche essere comunicati al pubblico nel caso di dati necessari per l’attuazione
di procedure di sicurezza, emergenza ed evacuazione dell’edificio scolastico.
I dati saranno altresì comunicati o portati a conoscenza del Titolare, dei responsabili ed
incaricati dei trattamento il cui elenco completo è custodito presso la Segreteria dell’ Istituto
Comprensivo G.Amendola di Sarno
1.L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali
che lo riguardano, anche se non ancora registrati e la loro comunicazione in forma
intellegibile.
2. L’interessato ha diritto di chiedere :
 l’accesso ai propri dati personali disciplinato dall’art. 15 del Regolamento UE
679/2016;
 la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento previsti
rispettivamente dagli artt. 16, 17 e18 del Regolamento UE679/2016;
 la portabilità dei dati (diritto applicabile ai soli dati in formato elettronico)
disciplinato dall’art. 20 del Regolamento UE679/2016;
 l’opposizione al trattamento dei propri dati personali di cui all’art. 21 del
Regolamento UE 679/2016.
Diritto di Reclamo
Gli interessati nel caso in cui ritengano che il trattamento dei dati personali a loro riferiti sia
compiuto in violazione di quanto previsto dal Regolamento UE 679/2016 hanno il diritto di
proporre reclamo al Garante, come previsto dall’art. 77 del Regolamento UE 679/2016
stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie ai sensi dell’art. 79 del
RegolamentoUE679/2016.
Processo decisionale automatizzato
Non è previsto un processo decisionale automatizzato ai sensi dell’art. 13 comma 2 lettera f
del Regolamento UE 679/2016.
In riferimento
INFORMATIVA SULLA RESPONSABILITA’ GENITORIALE
Il decreto legislativo 28 dicembre 2013, n. 154 ha apportato modifiche al codice civile in
tema di filiazione. Si riportano di seguito le specifiche disposizioni concernenti la
responsabilità genitoriale.
Art. 316 co. 1 Responsabilità genitoriale.
Entrambi i genitori hanno la responsabilità genitoriale che è esercitata di comune
accordo tenendo conto delle capacità, delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni del
figlio. I genitori di comune accordo stabiliscono la residenza abituale del minore.
Art. 337- ter co. 3. Provvedimenti riguardo ai figli.
La responsabilità genitoriale è esercitata da entrambi i genitori. Le decisioni di maggiore
interesse per i figli relative all’istruzione, all’educazione, alla salute e alla scelta della
residenza abituale del minore sono assunte di comune accordo tenendo conto delle capacità,
dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli. In caso di disaccordo la decisione è
rimessa al giudice. Limitatamente alle decisioni su questioni di ordinaria amministrazione,
il giudice può stabilire che i genitori esercitino la responsabilità genitoriale separatamente.
Qualora il genitore non si attenga alle condizioni dettate, il giudice valuterà detto
comportamento anche al fine della modifica delle modalità di affidamento.
Art.337-quater c. 3 Affidamento a un solo genitore e opposizione all’affidamento
condiviso.
Il genitore cui sono affidati i figli in via esclusiva, salva diversa disposizione del giudice,
ha l’esercizio esclusivo della responsabilità genitoriale su di essi; egli deve attenersi alle
condizioni determinate dal giudice. Salvo che non sia diversamente stabilito, le decisioni di
maggiore interesse per i figli sono adottate da entrambi i genitori. Il genitore cui i figli non
sono affidati ha il diritto ed il dovere di vigilare sulla loro istruzione ed educazione e può
ricorrere al giudice quando ritenga che siano state assunte decisioni pregiudizievoli al loro
interesse.
Alla luce delle disposizioni sopra indicate, la richiesta di iscrizione, rientrando nella
responsabilità genitoriale, deve essere sempre condivisa da entrambi i genitori.
Al fine di garantire un supporto alle famiglie prive di strumentazione informatica
per la compilazione delle domande di iscrizione on-line la segreteria della scuola
riceverà l’utenza ESCLUSIVAMENTE per appuntamento.
SCUOLA IN CHIARO IN UN’APP.
Al fine di supportare ed integrare le iniziative di orientamento delle scuole ed offrire un
servizio utile anche per le famiglie, si comunica che è stata ideata l’applicazione Scuola in
chiaro in un’app.
A partire dal QR Code associato alla sede dell’istituto principale, visibile sulla homepage
del sito web istituzionale, sarà possibile accedere con i propri dispositivi mobili alle
informazioni principali sulla scuola.
In questa prima fase di avvio, l’applicazione prende in considerazione i dati relativi ai
risultati scolastici, ai risultati a distanza, alle caratteristiche del personale docente, alle strutture
scolastiche.
Il Dirigente Scolastico
prof.ssa Antonella ESPOSITO
firma autografa omessa ai sensi
dell’art. 3 del D. Lgs n. 39/1993